Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei dati personali e secondo le norme previste dalla legge.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

  

Informativa estesa sull’uso dei cookie

Uso dei cookie 

clancelentano.it o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di clancelentano.it.

Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.

Disabilitando i cookie alcuni dei nostri servizi potrebbero non funzionare correttamente e alcune pagine non le visualizzerai correttamente.

Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

memorizzare le preferenze inserite

evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password

analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da clancelentano.it per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

 

Tipologie di Cookie utilizzati da clancelentano.it

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da clancelentano.it in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici 

Questa tipologia di cookie è strettamente necessaria al corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata

di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici 

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. clancelentano.it userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti 

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito, nel nostro caso da Google Analytics.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti 

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione 

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

Nel nostro Sito non utilizziamo cookie di profilazione.

clancelentano.it secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.

Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da clancelentano.it e che che quindi non risponde di questi siti.

 

  

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

1. Eseguire il Browser Chrome

2. Fare click sul menù   presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione

3. Selezionare Impostazioni

4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate

5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti

6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:

7. Consentire il salvataggio dei dati in locale

8. Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser

9. Impedire ai siti di impostare i cookie

10. Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti

11. Gestire le eccezioni per alcuni siti internet

12. Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata

1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox

2. Fare click sul menù   presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione

3. Selezionare Opzioni

4. Seleziona il pannello Privacy

5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate

6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti

7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:

8. Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento

9. Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato

10. Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali

11. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:

12. Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)

13. Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata

1. Eseguire il Browser Internet Explorer

2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet

3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:

4. Bloccare tutti i cookie

5. Consentire tutti i cookie

6. Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata

1. Eseguire il Browser Safari

2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy

3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.

4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata

1. Eseguire il Browser Safari iOS

2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”

4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine suCancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata

1. Eseguire il Browser Opera

2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie

3. Selezionare una delle seguenti opzioni:

4. Accetta tutti i cookie

5. Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati

6. Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata

  

Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.  

dal Corriere della Sera : La "sindrome della via Gluck"

La «sindrome della via Gluck»

Campi da coltivare anziché cemento
La rivoluzione di Reggio Emilia-
Riconvertiti a uso agricolo 32 ettari destinati a edilizia e all’industria. «Le città non crescono più, assecondiamo una tendenza in atto», dice l’assessore all’Urbanistica

 

«Là dove c’era l’erba ora c’è una città...» cantava nel 1966 Adriano Celentano e sembrava una profezia nefasta e irreversibile. A distanza di 49 anni il comune di Reggio Emilia sfata la «sindrome della via Gluck» e inverte la tendenza alla cementificazione. Per la prima volta dal dopoguerra una città italiana ha deciso di riconvertire a uso agricolo vaste aree del suo territorio destinate a costruire case e fabbriche: è un’idea di futuro e di evoluzione, quella che ha accompagnato l’Italia del boom economico, ad essere messa in discussione mentre si aprono scenari fino a ieri impensabili.

Un consenso sorprendente

Una delibera di giunta di tre settimane fa ha proposto di cancellare a Reggio Emilia una serie di aree classificate dal piano regolatore come edificabili ma rimaste da anni inutilizzate, riclassificandole a uso rurale; ai proprietari toccava aderire o meno a questo invito, un passaggio necessario anche per evitare decisioni calate dall’alto e mettere il riparo l’ente pubblico da una pioggia di ricorsi. La risposta arrivata negli uffici del municipio è stata sorprendente: i titolari di ben 32 ettari di terreno (20 a uso residenziale, 12 a uso industriale) hanno già dato l’ok affinché le loro proprietà tornino a essere campi e pascoli. Tutto questo nel perimetro di un capoluogo di 170mila abitanti. È una virata di 180 gradi, come è facile immaginare, rispetto al processo di urbanizzazione che ha accompagnato la crescita delle città italiane nell’ultimo mezzo secolo almeno.

Prima volta in Italia

«La nostra decisione - racconta Alex Perassoli, assessore all’urbanistica di Reggio Emilia - non fa altro che assecondare una tendenza del mercato già in atto: la crescita demografica della città è ferma da anni, l’industrializzazione anche e comunque non sarà quella che abbiamo conosciuto nei decenni passati. Oltre a questo reputiamo un valore non incoraggiare il consumo del suolo ma al contrario valorizzare il patrimonio edilizio già esistente». Tutto vero, ma un cambio di marcia così deciso, tale da togliere anche valore economico a una vasta area del territorio, non si era mai vista...«Anche a noi risulta così in effetti - conferma Perassoli - eccezion fatta per il, tentativo di alcune città di abbassare gli indici di edificazione ma non di cambiare la destinazione d’uso delle aree, strappandole all’edilizia e all’industria e riconsegnandole all’agricoltura».

«Là dove c’era l’erba...»

La «sindrome della via Gluck» aveva intrappolato molte altre città italiane che si ritrovano oggi nella stessa situazione di Reggio Emilia: tanto per fare l’esempio di due centri non distanti da Reggio, negli anni ‘80 il piano regolatore di Mantova e Lodi immaginava per la prima una crescita fino a 110mila abitanti e a 75mila per la seconda; oggi entrambe sono sotto la soglia dei 50mila. Ma davvero è ipotizzabile un futuro di granoturco, stalle e orti che si alternano a palazzi e tangenziali? «Il nostro è prima di tutto un tentativo di riconoscere valore al lavoro agricolo - spiega ancora l’assessore - anche perché ci troviamo al centro di una regione che produce eccellenze in campo alimentare . Il cambiamento da noi introdotto non vuole rappresentare solo un vincolo di tutela paesaggistico ma vuole al contrario sostenere un mondo per noi di assoluta importanza».

 

di Claudio Del Frate

 

Prev Next

Le Migliori sempre in classifica!

Le Migliori sempre in classifica!

  Sono trascorsi più di due anni dall'uscita de Le Migliori, l'album evento che ha visto tornare protagonista dopo 18 anni la coppia Mina-Celentano. L'album è certificato 7 ...

cover 150x150 Adriano Live Facciamo Finta Che Sia Vero Yuppi Du Remastered L'Animale